sabato 30 agosto 2014

Girocollo Floreal

... e dopo solo 15 giorni rieccomi con una nuova collana macramè!
Questa volta sono riuscita a non far trascorrere troppo tempo dalla mia ultima sortita sul mio blog, quindi oggi desidero presentarvi questa creazione che ho realizzato in ben due settimane...! In realtà ho impiegato così tanto tempo perché mi ci sono dedicata tutti i giorni per poco e perché, in corso d' opera, ho dovuto studiare la tecnica per realizzare la parte del pendente!
La pietra che ho incastonato con un sistema a "pressione", in modo da "inscatolarla" nella lavorazione (se così si può dire), è un' agata arborizzata; un minerale a dir poco stupendo che sembra quasi una murrina perché le striature al suo interno sembrano in rilievo, come se fossero sospese sulla struttura. Purtroppo dalle foto non si riesce a vedere bene l' effetto e me ne rammarico.
Questo minerale è un biossido di silicio, fa parte della famiglia dei quarzi e presenta una durezza 7 della scala Mohs; questa scala è un criterio empirico, studiato dal mineralogista tedesco Friedrich Mohs nel 1812, per stabilire la durezza dei materiali, partendo da quello più morbido, il talco, per arrivare a quello più duro, il diamante. La valutazione va da uno a dieci e qui sotto vi riporto la classificazione, affinché possiate farvene un' idea:


  1. Talco, Grafite
  2. Gesso, Zolfo
  3. Calcite
  4. Fluorite
  5. Apatite
  6. Ortoclasio, Feldspato
  7. Quarzo
  8. Topazio
  9. Corindone, Zaffiro, Rubino
  10. Diamante
Ovviamente, esistono anche i minerali che si collocano a metà tra una durezza e l' altra, come ad esempio, il turchese che è tra 5 e 6, la tormalina a 7.5, la giada che va da 6.5 a 7.
Il Chakra al quale corrisponde l' agata arborizzata è il IV, quello del cuore, legato all' elemento Aria e le cui attività sono la trasformazione in perdono e l' amore.
Questo minerale, in particolare, assicura vitalità, salute stabile e un sistema immunitario efficiente, aiutando la guarigione degli stati infettivi; risveglia nell' individuo lo spirito battagliero e aiuta a percepire le difficoltà come provocazioni per migliorare se stessi e crescere interiormente.
Rafforza la perseveranza e infonde coraggio, rendendo la persona consapevole della sua forza, ispira calma e stabilità.
L' agata arborizzata ha una colorazione biancastra, aspetto opaco e inclusioni ramiformi verde muschio; come struttura è simile all' Agata muschio, con ramificazioni o chiazze bruno-verdastre su fondo verde grigio, mentre l' Agata albero presenta ramificazioni verdi su fondo bianco latte. Tutte e tre le gemme sono legate alla Natura e alla Terra e un tempo erano conosciute come "pietre del giardiniere".
I principali produttori sono il Brasile, lo Sri Lanka, l' Utah, il Maine, il Messico, il Colorado e l' Africa.
Nella realizzazione di questa collana ho anche voluto inserire alcune perline in acciaio, che bene si intonano con la metallizzazione dei fili azzurri. 
La lavorazione è molto varia e, questa volta, ho voluto realizzare il cinturino con la tecnica a torciglione perché mi sembrava si adattasse bene alle fattezze arboree della composizione.
Le perle incastonate nelle curve che caratterizzano la parte iniziale del girocollo, sono di quarzo azzurro, così come quelle che ho inserito nella raggiera del pendente.
L' aspetto di questa creazione ricorda un po' l' edera: si avvolge intorno al collo di chi la indossa, abbellendolo con le sue tortuose evoluzioni!


Creazioni