giovedì 20 febbraio 2014

Collier Edera

Cari amici di Aquilegia Azzurra, come state?
Io sono riuscita, finalmente, a riorganizzare un po' le mie giornate e, nell' attesa di una nuova scorta di fili, ho dato fondo a quel che mi rimaneva, nella realizzazione di questo gioiello molto particolare. Devo ammettere che questa creazione mi ha fatto un po' preoccupare perché, inizialmente, l' avevo dotata di una chiusura, comprata ahimè a caro prezzo (Venezia è sempre una città molto economica! -_-), che dopo due giorni si è staccata! Così, fortunata e miracolata per non aver perduto la mia collana per strada, sono dovuta correre ad acquistarne un' altra, molto più sicura.
Inoltre, parlando di coincidenze astrali negative, in questi giorni, purtroppo, mi è stato sottratto un paio di orecchini in un negozio in cui li avevo lasciati, per essere venduti... La cosa che più mi ha dato fastidio è che le mie ore di lavoro e la mia fatica si sono volatilizzate senza nemmeno un compenso; prima di tutto, hanno rubato la mia creatività e il mio impegno, al di là dell' oggetto in sè; non sono una persona attaccata alle mie creazioni (se lo fossi non potrei mai venderle), però mi piace che il mio lavoro venga riconosciuto per il valore che ha e questa volta non è stato così... Anzi, è pure stato dato per scontato che valessero meno di quanto meritavano... ma vabbè... ormai, con tutte le cineserie che ci sono in giro, abbiamo perso la cognizione di quanto valgano le creazioni artigianali. 
Comunque, senza intristirvi troppo con le mie lamentele, ecco per voi la mia ultima creazione: un girocollo asimmetrico e rampicante, come l' edera. Anche i colori sono molto vegetali: verde salvia e verde oliva.
Il donut è di turchese dello Sinkjang, e le perle sono, da un lato, di giada, occhio di tigre e corniola, nella parte opposta, così come nel motivo centrale, sono di vetro verde polarizzato e satinato. La chiusura è di metallo dorato e avviene per mezzo di un moschettone agganciato a degli anellini apribili.
Qui sotto vi ripropongo la narrazione delle proprietà del turchese e dei suoi effetti benefici, che vi illustrai qualche tempo fa, in occasione di un' altra creazione...

il turchese è un elemento che riguarda la sfera della stabilità e del benessere, infondendo pace, equilibrio, fertilità e denaro ed è associato alla Terra e all' Aria; favorisce l' espressione e lo sviluppo dell' intelletto, la comunicazione, la creatività e la saggezza ed è associato al quinto Chakra, della gola, all' altezza della quale sarebbe benefico usarlo come pendente. Il turchese è un fosfato basico idrato che si forma per alterazione nelle rocce sedimentarie (soprattutto arenarie o vulcaniche) che contengono alluminio e un’alta percentuale di rame, al quale deve la sua tipica colorazione azzurro-verde. La presenza dell’acqua che con il tempo può evaporare e l’ossidazione del rame spiegano la variazione della colorazione originaria verso un verde mela.Il nome deriva dal francese "turquoise" e fa riferimento al fatto che il turchese venne scoperto per la prima volta dai crociati in Turchia e introdotto in Europa. Secondo la tradizione occidentale e orientale è un amuleto portafortuna e protettivo contro i sortilegi ed è in grado di avvertire il proprietario di un eventuale pericolo cambiando colore. È anche chiamata la spugna delle negatività. In Egitto il turchese era considerato il simbolo dell’Aldilà e dell’Universo, della presenza divina sulla Terra. Quattro braccialetti di turchese e oro sono i gioielli più antichi conosciuti al mondo e sono stati ritrovati nel 1900 sul braccio di una mummia egizia e risalgono a cinquemila anni fa. La maggior parte delle antiche civiltà teneva il turchese in grande considerazione. Gli Indiani d’America,per esempio, lo utilizzarono come mezzo di scambio per secoli, impiegandolo in gioielleria e per ornare le facciate delle case e le tombe. Esso, inoltre, rappresentava l’incarnazione degli spiriti del mare e del cielo e aveva il potere di assicurare successo in guerra e in caccia, felicità e buona fortuna a chi lo indossasse. 
La pietra di turchese ha un’azione disintossicante, antidolorifica, tonica e ricostituente e produce un aumento dell’energia stimolando la crescita dell’organismo, soprattutto in casi di deperimento fisico e accelera i processi di guarigione. E' anche purificatore e ossigenatore dei polmoni, proteggendo così l' apparato respiratorio e infondendo benefici alla gola.Per quanto riguarda gli effetti sulla psiche, è un energizzante mentale e allevia la depressione, protegge l’individuo dalle influenze negative dell’ambiente e con la sua azione calmante e rilassante riduce la tendenza al vittimismo infondendo gioia di vivere e consapevolezza delle proprie capacità. Il turchese stimola l’intuizione e la percezione della propria unità psico-fisica, equilibrando tutte le polarità (maschile e femminile) e i dualismi (corpo e spirito). Potenzia le abilità di espressione creativa e la forza della comunicazione attraverso l’uso della voce. Promuove il senso della bellezza e facilita i rapporti interpersonali e l’armonia nelle relazioni di coppia.Il turchese può essere scaricato dopo l’uso sotto l’acqua corrente e, per ottenere effetti visibili sul piano fisico e spirituale si consiglia di portare la pietra con sé a stretto contatto con la pelle, soprattutto intorno al collo per favorire il rilassamento e per equilibrare l’emotività. Se tenuta a lungo scolorisce leggermente. Fate molta attenzione a non lasciarla vicino a fonti di calore o esposta al sole.


VENDUTO

2 commenti:

  1. come sempre mi stupisci
    le tue creazioni sono straordinarie
    io intanto ho una sorpresa per te
    clicca qui
    http://www.ilmondoaquattrozampe.blogspot.it/2014/03/altri-due-premiikolejne-dwie-nagrody.html

    RispondiElimina